Tra i piú noti nomi del mondo dei videogiochi spicca indiscusso sul podio Mario, personaggio di innumerevoli games della Nintendo e mascotte ufficiale della stessa software house. La saga che lo vede protagonista è in assoluto la più premiata in termini di vendite: in circa venti anni di onorata carriera ha venduto quasi 200 milioni di videogiochi!

Mario viene creato nel 1981 dalla mano di Shigeru Miyamoto, solo un anno piú tardi dalla ideazione di quella tipologia di videogames di cui diventerà col tempo uno dei simboli: i giochi platform. Così come ci ricorda chi lavora chi si occupa della miglior Ortodonzia Roma, la sua nascita é del tutto fortuita, in quanto cagionata da una “ modifica”che Miyamoto dovette effettuare a un videogioco su Braccio di Ferro di cui la Nintendo aveva perso la licenza. Mario fa cosí la sua prima apparizione nel videogioco arcade Donkey Kong, rispondendo al nome (provvisorio) di Jumpman.

Ancora piú fortuite le circostanze che diedero i natali al suo appellativo definitivo: pare infatti che in Giappone, il suo nome fosse Mr Video Game, ma non ne fu data comunicazione alla sede americana, che decise quindi di chiamare il personaggio Mario (ispirata dalla sua somiglianza con Mario Segali, proprietario dello stabile della Nintendo America negli anni ‘80). Questo nome venne usato per la prima volta nel gioco Mario Bros. e divenne da allora quello definitivo.

Super Mario: da videogioco a icona pop

Il suo aspetto buffo nasce dai limiti tecnologici esistenti al tempo della sua crezione. I programmatori lavoravano infatti con un numero ridotto di pixel che causava problemi concreti circa l’animazione dei personaggi, per cui nel caso di Mario si adottarono mere soluzioni “estetiche”: il problema delle braccia che sparivano durante il movimento si risolse con il contrasto tra la salopette di colore rosso e la maglia blu; alla ristrettezza di spazio nello sprite che impediva l’inserimento di bocca e orecchie si ovvió dando al personaggio baffi e basette; infine, pare che anche il suo cappellone sia stato un accorgimento dovuto alla difficoltá di disegnare i capelli.

La storia di Mario non è mai stata sviluppata in modo approfondito, cosí da non limitare i suoi ruoli futuri nel mondo dei videogiochi. Nelle sue avventure lo circondano solitamente numerosi personaggi: il fratello Luigi, la Principessa Peach, i funghetti Toad, il dinosauro Yoshi, il malefico Re Bowser e molti altri… fino alla sua nota nemesi, il malvagio Wario.

La sua veneranda presenza nel mondo dei videogames l’ha trasformato in uno dei simboli di tale universo. E´stato tra i primi giochi classici a cui é stata applicata la grafica 3D ed ha sempre accompagnato gli sviluppi dell’informatica e del gioco virtuale evolvendo di pari passo.

Mario si é anche trasformato in uno delle icone della generazione degli anni ’80 -‘90

Ció l’ha reso protagonista di una serie di cartoni animati (Super Mario), di un fumetto e un di film (Super Mario Bros. – interpretato dall’attore Bob Hoskins).
Incredibile anche il fenomeno di merchandise che ruota intorno a lui ed ai suoi amici: gadgets, pupazzi, magliette, figurine, caramelle…

La planetaria notorietá di Super Mario l’ha portato ad abbandonare l’esclusività di “gioco da console” per offrirsi ai sui tanti affezionati in versioni flash da giocare in Internet.
E´infatti possibile trovare nel Web moltissimi giochi arcade o 3D con protagonista il simaptico idraulico baffuto che permettono agli utenti di divertirsi a costo zero.

Anche attaverso questi giochi online l’espansione del mito di Mario continua la sua ascesa, mantenendo vivo l’affetto dei fans che con lui sono cresciuti e conquistando l’interesse e la simpatia delle nuove generazioni di gamers.